I Viaggi del Gusto

Giacosa Bruno – Barolo Le Rocche del Falletto 2007

giacosa-bruno-barolo-le-rocche-del-falletto-2007

La casa vinicola Bruno Giacosa, nata tra le vigne delle Langhe in Piemonte, che testimonia il lavoro di ben tre generazioni di vinicultori accomunati dalla grande passione per i vini, fa tesoro dell’esperienza accumulata nel tempo con la meticolosità di chi è alla continua ricerca della perfezione, per produrre vini che sono fra i migliori d’Italia, conosciuti ed apprezzati da un vastissimo mercato.
Tra i vini migliori con etichetta “Bruno Giacosa” troviamo il Nebbiolo, il Barbaresco, il Barbera, il Dolcetto d’Alba, il Roero Arneis, il Barolo Le Rocche del Falletto.

L’Azienda Agricola Falletto, pur possedendo una moderna tecnologia di produzione, usa pratiche di coltivazione rispettose della tradizione e dell’ambiente, in una fusione armonica fra passato e presente. Il lavoro che vi si svolge nasce da persone assidue, appassionate e capaci che riescono a seguire e ad assecondare i ritmi della natura per ottenete dai 20 ettari di vigneti di proprietà il prodotto migliore. I vigneti sono situati nei comprensori di Barbaresco, La Morra e Serralunga d’Alba, la vinificazione avviene nelle cantine di Neive, in provincia di Cuneo.

Il Barolo Le Rocche del Falletto 2007, ottima annata che lo ha fatto classificare fra i migliori vini d’Italia, ha un odore rosso granato con qualche riflesso aranciato. Il profumo è intenso e complesso, ricordante la frutta matura, il tartufo e la liquirizia. E’ un vino di grande carattere, con un sapore asciutto, generoso e vellutato.
Il Barolo proviene dal vitogno Nebbiolo, un’uva ricca di polifenoli che può dare vita esclusivamente a vini corposi e di grande struttura, possibilmente da gustare invecchiati.

Il Barolo Le Rocche del Falletto del 2007 è quindi un vino “aristicratico” e di conseguenza è da servirsi in occasioni adatte. La temperatura giusta di servizio si aggira intorno ai 18-20 gradi.
A tavola si abbina a tantissimi piatti, è eccellente soprattutto con quelli a base di carne, come arrosti e brasati, e con la selvaggina, ma raggiunge il massimo del suo potenziale con i formaggi stagionati a pasta dura, come il pecorino, il Bra stagionato e il Parmigiano Reggiano. Ottimo anche l’abbinamento con il tartufo e con la pasticceria secca, come i tipici frollini del Piemonte e le paste di meliga.

0 Comments
Share

Redazione

La Redazione di E-Viaggiare.it è composta da autori che si occupano di scrittura in differenti ambiti. Attraverso questo blog vogliamo dare spazio alla nostra passione per il viaggio in tutte le sue forme.