Turismo Sostenibile

Dublino ecologica? I ponti di Dublino!

dublino-ponti

Chi lo ha detto che non si può fare turismo sostenibile anche in una città? Ecco il nostro suggerimento per una Dublino passeggiando tra i suoi ponti!

Dublino passeggiando lungo la Liffey

Sarà merito di RyanAir, con cui raggiungere la capitale irlandese è diventato facilissimo, ma Dublino attira un numero sempre maggiore di turisti Italiani.

Dublino è nota per la sua cultura, per i suoi pub e per l’ospitalità dei suoi abitanti. Inoltre, rappresenta una meta ideale anche per tutti coloro che amano le passeggiate urbane, che vanno a creare il giusto mix di natura e cultura.

“Il” Liffey è il fiume che attraversa Dublino. Ma noi le diamo una connotazione femminile, come facevano i Celti e come hanno fatto Joyce e Beckett, due dei grandi scrittori dublinesi.

Il nostro itinerario per questa Dublino da passeggio non fa altro che seguire la Liffey in direzione del mare, dal ponte Seán Heuston al ponte intitolato proprio a Samuel Beckett.

I ponti di Dublino

È un itinerario di circa quattro chilometri che, di ponte in ponte, ci accompagna attraverso la storia e la cultura dublinese. Alcuni ponti ci parlano della storia irlandese e della lotta contro la dominazione britannica: Seán Heuston, per esempio, venne fucilato dopo la Easter Rising, la Rivolta di Pasqua. E il ponte più importante di Dublino, Daniel O’Connell, è dedicato a uno dei padri fondatori della identità irlandese moderna.

Lungo il tragitto incontrerete anche la fabbrica della Guinness: la birra scura più famosa al mondo. Quando il vento soffia nella direzione giusta, la vostra passeggiata sarà accompagnata dal profumo di malto che aleggia sul birrificio!

Se l’O’Connell Bridge è il più grande e più importante vista la posizione centralissima, l’ultimo della passeggiata, il Samuel Beckett, è sicuramente il più bello.

Progettato dal famosissimo architetto Calatrava, rappresenta l’arpa, uno dei simboli irlandesi per eccellenza.

0 Comments
Share

Massimiliano Roveri

Massimiliano “Q-ROB” Roveri scrive per, su e di Internet dal 1997. Laureato in filosofia e prestato al mondo IT blogga, condivide (e insegna a bloggare e condividere) tra l’Irlanda e l’Italia.