Visitare Bristol

Bristol, è una cittadina del Regno Unito, i suoi particolari quartieri hanno qualcosa di speciale tant’è che  riesce a battere per popolarità con il suo quartiere di Stokes Croft, il più famoso e frequentato quartiere Peckam di Londra, che pare essere la meta più cool da visitare nel Regno Unito.  A Stokes Croft il viaggiatore affamato di inglesismi  trova “mild mild West”, il primo murales conosciuto di Banksy, lo street artist più famoso al mondo, e nato proprio a Bristol nel 1974.  Il tema di Mild Mild West è  un orsacchiotto che lancia una molotov verso la polizia; una visione forte ed istrionica di un movimento di protesta che ha segnato la storia della città.

Stokes Croft

L’arte dei graffiti è il volto di oggi della Bristol dal paesaggio urbano, e precisamente a Stokes Croft; ma in effetti  l’origine  del quartiere affonda le sue radici in nascite storiche  qui avvenute in tempi lontani, ad esempio Edward William Goldwin, l’architetto più estroso e visionario dell’Inghilterra vittoriana le sue opere sono un inno alla fantasia sfrenata.  Anche oggi chi ha visitato la città può dire che  cittadini di Bristol hanno uno spirito fiero, libero, indipendente tanto da aver pensato e realizzato un progetto comunitario dal nome: ” People’s Republic of Stokes Croft, una produzione artigianale di  mobili artistici realizzati con  materiali di recupero.

Mangiare a Bristol

Bristol è letteralmente cosparsa di piccoli chioschi dove si può fare colazione, bere dei centrifugati bio o del thè caldo; se invece volete gustare torta tipica inglese fermatevi allo Shop Pieminster,  le sue torte vengono vendute in tutta la Gran Bretagna.  Per assaggiare un buon sidro di mele bisogna andare al  Bristol Cider Shop un locale specializzato nel sidro di mele inglese. Vi manca la pizza? Niente paura, fate un salto al The Stable, locale specializzato nella pizza britannica; se alloggiate al quartiere di Stokes Croft la cena va consumata al Café Kino, ottima cucina vegana oppure l’alternativa è il The art house café dove servono caffé, insalate e panini. Se invece avete voglia di una bistecca il locale perfetto è il The Ox.

Un salto al Lakota

Il movimento popolare del quartiere  ha anche istituito un museo dedicato alla storia e all’arte di questo quartiere.  Altri punti di interesse del quartiere sono: il Lakota, è proprio in questo locale che  negli anni novanta sono stati organizzati i primi rave party, per gli appassionati di musica una tappa obbligata è  il negozio ” Mikleburgh Musical Instrument,  una pietra miliare in fatto di strumenti musicali, fondato nel 1803; oggi questo negozio vende tutto, ma proprio tutto ciò che produce suoni. Interessante per i giovani che sbarcano a Bristol l’ ostello ” Full moon” perché ogni primo sabato del mese all’ostello si tiene il market of the moon, dove artisti locali vendono le loro opere. Tanto per ribadire che l’Inghilterra non è solo Londra.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *