Visitare Cremona

Adagiata al centro della Pianura Padana, Cremona è una città di piccole dimensioni ma ricca di bellezze e di cultura. Capitale della musica e sede di prestigiose scuole musicali, ospita botteghe di liutai che producono ed esportano in tutto il mondo pregiatissimi violini che finiscono nelle mani dei più grandi artisti mondiali, ma oltre a questo c’è molto di più.

Cremona città storica

Cremona si trova in Lombardia, è solo l’undicesima città per popolazione in questa Regione ma è famosa in tutto il mondo per alcune particolarità.

A Cremona nacque il noto liutaio Stradivari i cui violini sono ritenuti unanimemente i migliori del mondo ma in questa città nacque e si sviluppò il Madrigale con Claudio Monteverdi nel ‘500 e poi la lirica con Amilcare Ponchielli.

In Lombardia è conosciuta come la città delle tre “T”: Turòon, Turas, Tugnas. Il Turòon si riferisce al torrone che qui venne inventato e che resta il più pregiato in tutto il Paese, la seconda è il Torrazzo di cui parleremo tra poco e poi Tugnas sta per Tognazzi , il celebre ed amato attore che a Cremona ebbe i natali.

Il Torrazzo

Il Torrazzo è certamente l’edificio più rappresentativo di Cremona. Si tratta di una torre in muratura ma non una qualsiasi: è la torre in muratura più alta d’Europa al suo interno si trova l’orologio astronomico realizzato nel 1583 da due artigiani locali, Giovanni Battista e Giovanni Francesco Di Vizioli.

Questo orologio è tuttora funzionante, dopo oltre 4 secoli e tutti i giorni viene caricato manualmente per svolgere il suo servizio. Il Torrazzo, dunque, si può dire che rappresenti Cremona ma a questo si lega anche un altro simbolo di Cremona, il Torrone.

L’origine di questo dolce risale al 1441 quando per il matrimonio tra la Duchessa Bianca Maria Visconti e il Duca di Milano Francesca Sforza, si volle creare per l’evento qualcosa di unico.

I cuochi prepararono quindi un grosso croccante a base di zucchero, miele e mandorle dandogli la forma del Torrazzo da cui derivò il nome “Torrone”.

Il Duomo di Cremona

Il Duomo di Cremona è dedicato a Santa Meria Assunta e si trova nel punto più alto della città. Particolarissimo è l’affresco che occupa la controfacciata del Duomo, opera del Pordenone.

L’affresco rappresenta la deposizione del Cristo e offre all’osservatore un curioso effetto ottico: osservando i piedi del Cristo, visto da sinistra dà l’impressione che stia scivolando, da davanti sembra sporto in avanti mentre da destra sembra rivolto comunque verso l’osservatore.

All’interno del Duomo si trova la rappresentazione dell’ultima cena ma al contrario del dipinto di Leonardo sullo stesso tema, in questa di Cremona si nota la presenza di una donna che in molti ritengono essere la Maddalena.

Il Museo del Violino

Non poteva certo mancare a Cremona un museo dedicato al violino, questo straordinario strumento musicale, vanto della città. La visita a questo museo non è solo l’occasione per ammirare violini preziosissimi prodotti tra il ‘500 e il ‘600 ma è anche possibile apprendere le tecniche di costruzione e vedere gli strumenti utilizzati da Stradivari, originali, e da altri per la costruzione di questi strumenti.

Piazza del Comune e Chiesa di San Sigismondo

Piazza del Comune è il centro nevralgico dell’antica città medievale. Storia, arte e architettura si fondono in un unica bellezza; in questa Piazza, infatti si affacciano i più importanti monumenti cittadini, il Duomo, il Battistero e avanti fino alla Loggia dei Militi.

La Chiesa di San Sigismondo venne costruita per volere di Bianca Maria Visconti nel 1463 sul luogo in cui sorgeva la Cappella dove venne celebrato il suo matrimonio. Il Monastero annesso alla Chiesa ospita da tempi remoti le monache domenicane di clausura.

Per questo motivo il meraviglioso refettorio e le tante preziose opere sono visitabili solo in rare occasioni ma se si ha la fortuna di poterle ammirare si resta incantati da tanta bellezza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *