Visitare Alba

Nel cuore del Piemonte, posizionata in un’ampia piana ma circondata da dolci montagne di basso rilievo, si trova Alba, una cittadina con una notevole storia alle spalle e un presente prestigioso ed economicamente rilevante che è anche motivo di turismo, di forte interesse per i visitatori che arrivano qui, nel territorio delle celebri Langhe.

Dove si trova Alba

Alba è una cittadina della provincia di Cuneo, con oltre 30 mila abitanti. Questo la pone come secondo Comune del cuneese per numero di abitanti ma soprattutto rappresenta un importante polo culturale della zona e del Piemonte più in generale, per cui una visita è d’obbligo se ci si trova in zona.

Alba è equidistante da Torino e da Cuneo, circa 50 Km, e dista poco più di trenta chilometri da Asti. Arrivando da Torino prima di arrivare ad Alba si attraversa quello che è chiamato Roero, una zona collinare in cui si trovano terreni sui pendii coperti da vigneti e nella parte più pianeggiante moltissimi alberi di pesco che producono squisite e rinomate pesche.

Rilevante nel Roero anche la coltivazione delle fragole, di cui una varietà particolarmente gustosa e conosciuta è la fragola di Sommariva. Percorso il Roero si arriva nella cittadina di Alba e ci si prepara alla sua visita.

I prodotti di Alba

La zona delle Langhe è particolarmente conosciuta per la produzione di vini che originano da vitigni famosi nel mondo che circondano Alba: barbera, barbaresco, nebbiolo, dolcetto, barolo sono nomi conosciuti universalmente ma anche il moscato e gli spumanti prodotti nella zone dio Alba non hanno pari al mondo, non temono alcun confronto nemmeno con il più blasonato Champagne.

Da non sottovalutare nemmeno la produzione di nocciole pregiate che servono anche per la produzione di creme di cioccolato, prodotti dell’arte cioccolatiera soprattutto di una grande azienda come la Ferrero che qui ha sede ma anche di mille artigiani che producono prodotti di eccellenza.

Che dire poi dei famosissimi Tartufi che si trovano nel territorio di Alba, capitale del tartufo. In una visita ad Alba ti consigliamo di degustare tutto questo in uno dei tantissimi ristoranti che propongono piatti di eccezionale bontà.

Cosa vedere ad Alba

Facciamo partire la nostra visita ad Alba dal Palazzo del comune che si ritiene sia stato edificato sul sito di un antico palazzo Romano. Al suo interno si trovano opere pittoriche rilevanti.

Nella sala consigliare si trova il dipinto della Vergine con bambino del pittore albese Macrino d’Alba, risalente al XVI secolo mentre sulla scalinata si ammira un ampio affresco che rappresenta l’Adorazione dei Magi.

Il Duomo di Alba

Nel cuore di Alba e non solo dal punto di vista toponomastico, c’è il Duomo dedicato a San Lorenzo, il Patrono della città. La sua origine viene fatta risalire al XII secolo ma ha subito numerosi interventi di parziale rifacimento nel corso dei secoli fino ad arrivare all’attuale aspetto dal XIX secolo.

Al suo interno si trova una splendida acquasantiera risalente al ‘500 e si ammirano ben otto altari laterali. Sono molti anche gli affreschi che si possono ammirare tra cui forse il più importante è quello che raffigura i Santi Elia e Eliseo in contemplazione della Vergine.

Oltre a questo si trovano anche Pale lignee e bassorilievi di alto pregio. Il Duomo ha annesso un campanile che conserva al suo interno quello che era l’antico campanile risalente al XII secolo.

La Chiesa di San Giovanni

Difficile per qualsiasi altra Chiesa sostenere il confronto con il Duomo ma la Chiesa di San Giovanni regge il confronto con il suo impianto medievale e conserva al suo interno importanti Opere di famosi pittori locali e dei Paesi vicini.

Oggi la Chiesa ospita vari eventi tra cui anche Vinum, la kermesse dedicata ai vini famosi e non e la famosissima Fiera del Tartufo.  In tutto l’anno è possibile fruire di visite guidate alla Chiesa.

Molto altro c’è da vedere ad Alba e lo lasciamo alla tua scoperta passeggiando tra le vie della cittadina.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *